Storia e numeri


Un’azienda che ha fatto la storia del settore meccanotessile

Leader nel settore dei materiali compositi, Lamiflex nasce nel 1976 da un’intuizione imprenditoriale di Luigi Castelli e Luigina Bernini, già proprietari di un’azienda tessile.  Acquistato uno dei primi telai a lance flessibili per aumentare la produttività della loro azienda, i due titolari si trovano di fronte ad un problema tecnico: i nastri portapinza in nylon si fondono facilmente se utilizzati ad alta velocità. Era quindi necessario studiare un nuovo tipo di nastro capace di resistere alle alte temperature. Nasce così il nastro in composito, realizzato da una struttura in cotone accoppiata ad una resina fenolica. Un’invenzione capace di cambiare per sempre l’industria meccanotessile.

Nel maggio del 2017, Lamiflex ha ceduto il 61% delle sue azioni a Itema, parte del Gruppo Radici, fornitrice di soluzioni avanzate per la tessitura, dando così vita ad una collaborazione strategica con l’obiettivo di sviluppare il core business delle due aziende bergamasche. Itema è una multinazionale italiana leader nella fornitura di soluzioni avanzate per la tessitura, inclusi telai all’avanguardia, ricambi e servizi integrati. Nome storico dell’imprenditoria meccano- tessile italiana, nata nel 2001 dalla fusione di eccellenti marchi dell’industria tessile mondiale come Somet, Vamatex e Sulzer. Con sede in Val Seriana, provincia di Bergamo, storica culla del tessile italiano, l’azienda è l’unico produttore al mondo a fornire le tre migliori tecnologie di inserzione della trama senza navetta: pinza, aria e proiettile. Con più di 830 dipendenti in tutto il mondo – di cui circa 400 nelle sedi italiane – e un giro di affari di 307 milioni di euro nel 2016, Itema dispone di due siti produttivi in Italia con sede a Colzate e Vilminore di Scalve in provincia di Bergamo, di un sito produttivo in Svizzera e di uno in Cina. Inoltre, l’azienda ha sedi commerciali anche in India, Giappone, USA, Hong Kong e Dubai (www.itemagroup.com).  Il fatturato 2016 di Lamiflex ha superato i 18 milioni di euro, con 103 dipendenti e 3 siti produttivi.

Storia Lamiflex azienda

I brevetti Lamiflex per un’innovazione continua nel tempo

Il passo successivo, l’introduzione del poliestere con resina epossidica, permette a Lamiflex di aumentare sensibilmente la resistenza del nastro, migliorandone anche la performance. L’esperienza acquisita negli anni, così come la profonda conoscenza dei compositi, portano Lamiflex a trovare altre soluzioni innovative e brevettare nuovi prodotti, come il “nastro a rigidità variabile” e la “punta intercambiabile”. L’azienda diviene leader di mercato, in Italia e all’Estero. Successivamente, l’avvento del carbonio e delle sue infinite applicazioni rendono Lamiflex capace di offrire prodotti con flessibilità e adattabilità eccezionali, qualità molto apprezzate dai progettisti e da tutto il mondo industriale.


Strategia ed evoluzione costante: la forza competitiva di Lamiflex

Oggi, in un mercato sempre più dinamico e in costante evoluzione, Lamiflex si dedica, per scelta strategica, anche a nuovi settori e alla progettazione di applicazioni innovative, grazie ad un team di tecnici e ingegneri impegnati quotidianamente nella ricerca della soluzione in grado di soddisfare le esigenze dei clienti con una necessità esecutiva specifica. È qui che risiede, insieme al know-how acquisito, la forza competitiva dell’azienda: la capacità di “problem solving” necessaria a trovare sempre la soluzione giusta.

Storia Lamiflex

Storia Lamiflex

Le risorse umane: un’attenzione particolare fin dal principio

Nell’ambito delle Human Resources, Lamiflex è attenta allo spessore umano delle risorse e alla loro formazione: ingegneri dei materiali, ingegneri aeronautici e ingegneri chimici hanno le competenze specifiche per occuparsi dei nuovi macchinari e dei nuovi progetti.

Un legame particolare fatto di stima e collaborazione, unisce fin dall’inizio l’azienda e le sue risorse, in un rapporto di crescita comune e di continuo scambio, sia professionale che personale, dimostrato da un turnover che non supera il 3% da sempre.


I mercati di riferimento: un’azienda internazionale da 40 anni

Mercati Ad oggi, il 40% dei clienti di Lamiflex è in Italia, il 35 % in Europa e il restante 25% nel resto del mondo, principalmente nei mercati di Asia, America e Turchia. I settori di appartenenza dei clienti sono, oltre al meccanotessile, industriale, medicale, aeronautico e quello dei rulli per stampa flessografica. Attraverso l’utilizzo delle tecnologie più evolute, come l’Impregnatrice a Solvente, il Filament Winding, la Pultrusione e Pullwinding, il Wrapping, la Pressa a Passo e Multivano, l’Autoclave, l’RTM e l’LPMC, l’azienda è in grado di fornire qualsiasi risposta attraverso processi produttivi integrati da sistemi informatici all’avanguardia.

Storia Lamiflex

Storia Palla 6

I nastri Lamiflex: una reputazione riconosciuta dal mercato ogni giorno

Con le sue numerose “famiglie” di nastri, da sempre Lamiflex raggiunge i più alti standard richiesti dai clienti, coniugando un servizio puntuale a una disponibilità di magazzino costante. Anche per le “dentarelle”, un componente di ricambio strategico dell’industria meccanotessile, Lamiflex risulta essere il partner ideale. La solidità, la professionalità e la reputazione costruita negli anni, permettono all’azienda di mantenere e ampliare la propria leadership.

 

×
WordPress Video Lightbox Plugin
We use cookies to ensure that we give you the best experience on our website.
Ok